Under 9 – Torneo Internazionale Gladiators – 9/10 Dicembre 2017

Under 9 – Torneo internazionale, Patinoire di Aosta, Sabato 9/domenica 10 dicembre 2017

Girone

HC Gladiators “nera” – HC Saint-Gervais   8-1

HC Gladiators “nera” – HC Grenoble       11-0

HC Lione – HC Gladiators “nera”           0-6

HC Gladiators “nera” – HC Varese   9-8

HC Gladiators “bianca” – HC Zoldo/Alleghe      0-11

HC Gladiators “bianca” – HC Red Ice        0-11

HC Megève – HC Gladiators “bianca”        14-0

HC Gladiators “bianca” – HC Valpellice   8-8

Fase successiva

HC Gladiators “nera” – HC Zoldo/Alleghe 3-0

HC Gladiators “nera” – HC Red Ice 5-1

HC Grenoble – HC Gladiators “bianca” 0-5

HC Saint-Gervais – HC Gladiators “bianca” 6-1

HC Valpellice – HC Gladiators “bianca” 6-0

Semifinale

HC Gladiators “nera” – HC Lione         3-0

Finale 1/2° posto

HC Gladiators “nera” – HC Zoldo/Alleghe 3-2

Finale 9/10° posto

HC Grenoble – HC Gladiators “bianca” 4-0

All Star Game

Italia – Francia               15-4

Piazzamento finale: HC Gladiators “nera” prima, HC Gladiators “bianca” decima.

HC Aosta Gladiators “nera”: David Cout, Samuele Picco, Stefano Terranova, Samuel Giovinazzo, Giulio Pititto, Federico Sinigaglia, Lorenzo Pasquali, Simone Giuliani, Andrea Giacometto, Simone Minniti. Coach: Davide Picco/Davide Baraldi.

HC Aosta Gladiators “bianca”: Federico Boscolo, Andrea Patacchini, Etienne Bredy, Daniel De Martino, Xavier Rosset, Christian Sangiorgio, Etienne Montegrandi, Simone Nardella, Luca Sammartino, Alice Lingeri, Liam Garau, Giacomo Meucci, Arnaldo Andretta. Coach: Michael Lattanzi/Andrea Patacchini.

Il torneo Under 9 organizzato dai Gladiators rappresenta, da sempre, un appuntamento sentito. E’, infatti, la prima competizione “seria” che un giovane hockeysta affronta, nella quale viene confrontato anche a coetanei di altri Paesi. Oltretutto, proprio per favorire un’esperienza utile e divertente (perché, in fondo, parliamo comunque di bambini di non più di 9 anni), la nostra società tradizionalmente aderisce con due compagini, in modo che tutte le leve nel vivaio della categoria possano cimentarsi.

La squadra “nera” era costruita su elementi di esperienza, mentre quella “bianca” includeva players che si sono affacciati da meno tempo alla disciplina. Il torneo prevedeva match da due drittel, a campo ovviamente ridotto e con i cambi fissi. Le squadre partecipanti erano dieci. Oltre alle due dei padroni di casa, a completare il tabellone, da Italia, Francia e Svizzera: HC Saint-Gervais, HC Grenoble, HC Varese, HC Lione, HC Zoldo/Alleghe, HC Red Ice, HC Megève e HC Valpellice.

La squadra “nera” ha vinto tutti e quattro gli incontri del girone iniziale. Una tabella di marcia che l’ha “catapultata” direttamente alla fase successiva. I “bianchi”, invece, sono riusciti a pareggiare una sfida (quella contro i piemontesi del Valpellice), ma sono usciti sconfitti dalle altre tre. Per loro, si sono aperte quindi le porte di un girone di “play out”.

I “neri”, allenati da Picco/Baraldi, hanno quindi proseguito incontrando prima l’HC Zoldo/Alleghe, imponendosi per 3-0, poi gli svizzeri del Red Ice, cui hanno inflitto un netto 5-1. La marcia è così proseguita in semifinale, contro l’HC Lione. Un’altra vittoria, stavolta per 3-0, e i baby Gladiatori si sono trovati a giocarsi il torneo. Avversario, quello Zoldo/Alleghe già incontrato (superandolo) appena due partite prima, ma trattandosi di una finalissima i veneti hanno venduto cara la pelle. La coppa del primo posto, al termine di una partita entusiasmante come quelle di U9 sanno essere, è rimasta ad Aosta, con lo score finale di 3-2 per i Gladiators (3-1 alla fine del primo drittel, poi rimonta di un altro goal per gli avversari, nel secondo).

I “bianchi”, agli ordini dei coach Lattanzi/Patacchini, nel “play out” hanno giocato una terna di incontri, sfidando nell’ordine Grenoble (vinta 5-0), Saint-Gervais (persa 6-1) e Valpellice (sconfitta 6-0). Con solo un successo all’attivo, hanno quindi disputato la finale per il 9/10° posto, contro l’HC Grenoble. I piccoli ce l’hanno messa tutta, ma i francesi hanno avuto la meglio per 4-0. Resterà loro, comunque, al di là del punteggio, il ricordo di un week-end in cui hanno incontrato compagni di tutto l’arco alpino, respirando per quarantott’ore hockey. La passione conta, i risultati li fa il tempo.

Da segnalare, infine, che sabato sera, nell’ottica di valorizzare sempre più il torneo aostano, si è tenuto un “All star game” Italia vs. Francia, in cui si sono scontrate selezioni che raccoglievano i migliori players della competizione. Per i Gladiators, sono stati scelti Giacometto, Giuliani, Giovinazzo, Cout e Terranova. Alla fine, 15-4 per l’Italia e un’ulteriore soddisfazione in più per i Gladiators: vincere il torneo casalingo e vedere i colori dell’Italia imporsi nella partita delle stelle. Bene così. Anzi, benissimo.