Under 14 – MEMORIAL OBKIRCHER

Under 14, Memorial Obkircher – Bressanone (Bz), Venerdì 6-Domenica 8 dicembre 2019

Lombardia – Piemonte/VdA                              1-2/0-2

Piemonte/VdA – Alto Adige Team A                  0-0/0-1
Piemonte/VdA – Alto Adige Team B                  1-2/2-0

Piemonte/VdA – Trentino                                  2-0/1-3

Piemonte/VdA – Veneto                                    2-0/5-0

Finale 1°/2° posto
Alto Adige Team A – Piemonte/VdA                  1-4

Piazzamento finale selezione Piemonte/VdA: primo posto.

Atleti Gladiators in Selezione Piemonte/Valle d’Aosta: Lorenzo Lamberti, Sofia Gisonna, Alessandro De Santi, Andrea Gesumaria, Edoardo Muraro, Matteo Mazzocchi, Matteo Giacometto, Mattia Lenta, Alessandro Carbone. Coach: Luca Giovinazzo.

La rappresentativa Piemonte/Valle d’Aosta, in cui militavano nove atleti tesserati Gladiators (diretti dal coach della società, Luca Giovinazzo), ha “sbancato” il torneo natalizio U14 “Memorial Obkircher” di Bressanone, aperto a selezioni di Comitato (le avversarie erano Lombardia, Trentino, Veneto e due formazioni dell’Alto Adige).

Nella prima fase, in cui ogni tempo contava come un incontro a sé stante, la compagine del nord-ovest ha inanellato sei vittorie, un pareggio e tre sconfitte. Una maggioranza di risultati positivi che ha fatto staccare al Piemonte/VdA il biglietto per la finalissima 1°/2° posto, contro la temibile prima squadra del Comitato Alto Adige.

Malgrado fosse l’unica squadra, nell’incontro iniziale, ad aver lasciato completamente a bocca asciutta Piemonte/VdA, la finale (tre drittel da quindici minuti l’uno) è stata disputata su binari decisamente diversi, con i goal dei Gladiators Matteo Giacometto, Matteo Mazzocchi ed Edoardo Muraro a contribuire (con quello di Iacopo Carlin) al 4-1 che ha fatto salire la rappresentativa nostrana sul gradino più alto del podio.

Un risultato (cui si aggiungono i riconoscimenti per Sofia Gisonna quale miglior portiere del torneo e per Andrea Gesumaria, migliore tra i Gladiators) che carica “alla grande” i ragazzi. Non solo prendere parte ad un torneo per selezioni è un’esperienza, perché permette di misurarsi con il meglio della propria categoria, ma vincerlo non è da tutti i giorni e dimostra che l’hockey del nord-ovest c’è, può esprimersi nei contesti importanti ed ha voglia di contare sempre di più.