Under 12, Torneo di Carnevale a Pieve di Cadore (BL) – 27/28 febbraio 2017

Girone
HC Vipiteno – HC Aosta Gladiators 1-5
HC Dobbiaco – HC Aosta Gladiators 3-4

Semifinale
HC Asiago – HC Aosta Gladiators 2-3 SO

Finale
HC Pieve Cortina – HC Aosta Gladiators 1-3

Marcatori: Matteo Mazzocchi, Dennis Perino, Rocco Meneghetti

Posizione finale dell’HC Aosta Gladiators: Primi.

HC Aosta Gladiators: Gabriel Montini, Lorenzo Lamberti, Alessandro De Santi, Giorgio Blanchet, Edoardo Muraro, Alessia Terranova, Marta Mazzocchi, Matteo Mazzocchi, Matteo Giacometto, Marco Cosentino, Alessandro Pica, Dennis Perino, Julien Diemoz, Mattia Lenta, Nicolò Esposito, Rocco Meneghetti, Samuel De Cassan. Coach: Luca Giovinazzo.

Gli organizzatori dell’HC Pieve Cortina lo avevano chiamato “Torneo di Carnevale”. Fatto sta che, a conti fatti, lo scherzo alle compagini partecipanti lo hanno fatto proprio i Gladiators, saliti in provincia di Belluno con una formazione che raggruppava elementi storici del vivaio valdostano U12, assieme a tre “rinforzi” di tutto livello, provenienti dal Real Torino e dallo Zoldo.

La formula del torneo era a due gironi, per un totale di sei squadre (oltre ai nostri, Vipiteno, Dobbiaco, Asiago, Bolzano e Pieve-Cortina) Il girone se n’è andato nella giornata di sabato, con le sfide contro Vipiteno (chiusa senza patemi in un netto 5-1) e Dobbiaco (un 3-4 con rimonta finale degli avversari, fortunatamente contenuta, ma potenzialmente pericolosa).

Il punteggio pieno ha proiettato i valdostani direttamente in semifinale, contro la seconda classificata dell’altro girone, vale a dire l’Asiago. Un match al cardiopalma: i Gladiators passano in vantaggio per 2 reti a 0. Dopodiché, a causa di un’inferiorità numerica, le distanze si accorciano e, prima della fine, è il pareggio avversario. Ogni torneo presenta qualche particolarità regolamentare di cui i nostri si accorgono cammin facendo. In questo, per esempio, non è previsto l’overtime in caso di parità. Si va dritti agli shoutout e i nostri passano il turno, realizzandone uno più dell’Asiago.

La finalissima è contro Pieve-Cortina, che ha battuto da poco Vipiteno, venendo quindi destinata a giocarsi con noi i due gradini più alti del podio. I Gladiators partono in affanno, subendo una rete, poi la progressione valdostana è incessante: rimonta, pareggio e il terzo goal che ipoteca il match. Suona la sirena e i ragazzi di Giovinazzo si aggiudicano la coppa, scrivendo il loro nome nella pietra della terra dove l’hockey è di casa in Italia! 

E non è la sola soddisfazione della “due giorni”, perché durante la premiazione è stato assegnato il riconoscimento di miglior giocatore a Dennis Perino, attaccante dei Gladiators, che quest’anno sta affrontando il campionato in “prestito” agli Svizzeri del Red Ice di Martigny e torna in Valle per i tornei. Un talento che si sta facendo notare sempre più fuori dai confini valdostani, come peraltro il grosso delle compagini targate Gladiators, sempre più vittoriose nei tornei come quello di Pieve, ribadendo che ad Aosta la qualità non è un optional.